SARDEGNA- PULA, SURFISTA TEDESCO AGGREDITO DA UN POLPO A SU GUVENTEDDU: SI SALVA GRAZIE AL PREZZEMOLO @troDNews@

Polpo_sulla_testa

PULA. Stava aspettando l’onda giusta nella spiaggia di Nora, nella ridente cittadina di Pula, quando improvvisamente è stato aggredito da un polpo, che ha cercato di farsi mangiare senza perdusemini. Otto Vasken, campione di nuoto originario di Berlino, si è salvato grazie ai suoi riflessi pronti e a un mazzo di prezzemolo. L’uomo, infatti, quando ha visto il polpo poco condito, ha immediatamente tritato il prezzemolo sulla sua tavola da surf e ha condito il mollusco cefalopode che ha incredibilmente mollato la presa. Infatti, com’è noto a tutti, i polpi odiano il prezzemolo.

ATTIMI DI TERRORE. Sono stati momenti di panico quelli trascorsi questa mattina da Otto, a Nora. Anche perché nessuno dei bagnanti presenti aveva capito in realtà cosa stesse accadendo. “Ho visto un giovane che si agitava in mezzo al mare con del prezzemolo in mano”, ricorda ancora scossa Paga La Mossa, mentre cerca di mangiare 35 chili di aglio, per la pressione. “Inizialmente – le fa eco eco eco Umberto, il marito – abbiamo pensato ad un nuovo gioco. Tipo sventola il prezzemolo e scappa. Poi quando abbiamo visto il polpo con patate abbiamo realizzato. Si trattava sicuramente di unu pruppu giudeu. Ma senza perdusemini”.

PERDUSEMINI. Soltanto il sangue freddo del surfista. La fortuna di avere del prezzemolo a portata di mano (tutti dovrebbero averlo quando si va al mare) ma soprattutto la lucidità di tritarlo con velocita, sono stati gli ingredienti che hanno salvato la vita al turista tedesco. L’uomo, ancora scosso, ha infatti lasciato una lapidaria dichiarazione: “Jägermeister”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ricerca personalizzata

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>